GIO 9 APRILE 2019 ore 21.00

Saulo Lucci

HELL O’DANTE

I canti dell’Inferno come mai neanche il sommo poeta li aveva presentati!
Tutto nasce quando Lucci trova su una bancarella di via Po a Torino una vecchia Divina Commedia che recava a margine dei più famosi versi della storia l’annotazione di una studentessa: “A 35 anni mi sono perso in un bosco”. La freschezza e l’ironia dirompenti di cui l’ingenua semplificazione era impregnata ispirano l’artista a concepire il progetto Hell o’ Dante: teatro di narrazione che affronta l’Inferno in 34 spettacoli ognuno dedicato a un canto, rivisto con ironia e semplicità di linguaggio, portando in luce le fonti letterarie e storiche, ma anche le cronache dell’epoca e i pettegolezzi da cui Dante ha tratto ispirazione.

Al centro di questo spettacolo è il Canto XXXIV. “Da Lucifero… a riveder le stelle” ci conduce al fondo dell’universo, il posto più lontano dall’amore di Dio, dove la mancanza di calor d’Amore rende lo spettacolo, agli occhi del pellegrino, un enorme lago ghiacciato in cui sono puniti i peccatori peggiori: i traditori. Al centro della ghiaccia sta conficcato il Re dell’Inferno: Lucifero.

Acquista ora

Diplomato alla Performing Art University di Torino di Philip Radice, Saulo Lucci si perfeziona nel teatro di strada di prosa: da Shakespeare al teatro dell’assurdo passando dalla Commedia dell’Arte, clown, parodie e teatro di narrazione.